Blog

Consumi lavatrici: quanto costa fare il bucato?

By 12 Agosto 2019 No Comments

Le lavatrici sono l’elettrodomestico più presente e più prezioso nella nostra vita quotidiana. Ma quanto esse incidono sul costo delle bollette a fine mese? Alcuni consigli e rimedi per evitare consumi eccessivi sia di acqua che di elettricità.

Qual è il consumo degli elettrodomestici?

La risposta a questa domanda non è affatto semplice, in quanto il consumo degli elettrodomestici dipende da molteplici fattori. Il primo e più importante è senza dubbio la classe energetica dell’apparecchio. Bisogna inoltre tener conto anche delle modalità e del tempo di utilizzo di questi. Le principali variabili che influenzano il consumo degli elettrodomestici sono numero di persone, superficie abitabile, localizzazione geografica della casa, abitudini personali e quantità e tipologia di elettrodomestici. Tra di essi quelli che hanno un rapporto di consumo kW/anno maggiore sono phon (nonostante rimanga acceso poco tempo), lavatrice, lavastoviglie, forno microonde, frigo e congelatore, ma soprattutto condizionatore. Hanno invece un consumo minore apparecchi come il lettore dvd, il forno elettrico, il ferro da spiro, l’aspirapolvere, il computer e – a sorpresa – le lampadine per l’illuminazione.

Come risparmiare per ridurre il consumo della lavatrice

Il consumo della lavatrice è notevole sia in termini di soldi e di energia che per quanto riguarda l’inquinamento provocato. Dunque come si può risparmiare? Uno dei trucchi più semplici è quello di diminuire – nei limiti del possibile e sempre mantenendo una buona igiene – la temperatura dell’acqua. Si avrà una riduzione del consumo della lavatrice di circa il 30% anche solo abbassando il calore da 60° a 40°. Questo perché più alta è la temperatura più rimane accesa la resistenza interna. Un risparmio ancora maggiore si avrà se si utilizza l’acqua scaldata col sole dei pannelli solari. Ciò porterebbe ad avere una spesa solamente per quanto riguarda il consumo del motore.

Quale lavatrice comprare: un’analisi dei vari modelli

La scelta è delle più ardue: quale lavatrice comprare in base alle proprie esigenze? Indispensabile è tener conto degli spazi di inserimento. Infatti vi sono modelli a carica frontale e a carica dall’alto, utili per chi deve posizionare l’apparecchio in luoghi poco ampi. Per quanto riguarda il numero di giri della centrifuga, già intorno ai 1000-1200 giri viene garantito un lavaggio soddisfacente. La capienza massima varia invece a seconda del numero di persone che compone il nucleo famigliare. In genere 7-8 kg sono ottimali. Per ciò che concerne infine il risparmio energetico è bene preferire le lavatrici con classe A+++ ed A++, che garantiscono prestazioni elevate con consumi ridotti.

Chiama ora!