Blog

10 consigli per scegliere la lampadina a risparmio energetico

By 12 Febbraio 2019 No Comments
lampade led

Come ottimizzare i costi in bolletta? Ecco 10 consigli per scegliere la lampadina a risparmio energetico:

  • Le lampadine alogene, a Led o a fluorescenza compatta garantiscono un flusso luminoso maggiore;
  • Le lampadine a Led rappresentano il futuro del sistema di illuminazione;
  • La durata delle lampadine a Led è molto più alta (oltre le 50.000 ore);
  • A differenza delle vecchie lampadine a incandescenza che si bruciavano improvvisamente, le lampadine a Led quando stanno per ultimare la luminosità diventano gradatamente più tenui in modo che si possa avere il tempo di cambiarle;
  • Con le lampadine a Led si può scegliere il colore della luce;
  • La qualità della luce è nettamente migliore e pertanto la lampadina potrà illuminare diversi ambienti lungo l’arco della giornata;
  • Le lampadine a Led si accendono immediatamente, non sono fragili e non producono calore;
  • Le lampadine a led non emettono radiazioni infrarosse o ultraviolette (dannose per la pelle) e possono essere utilizzate con i regolatori di luminosità (dimmer);
  • La luce emessa è divergente;
  • Le lampadine a Led non contengono mercurio

Lampadine a Led Enel X

Per l’illuminazione domestica a basso costo Enel X offre lampadine a Led dei marchi Philips o LedbyLed. Facciamo qualche esempio: la lampadina Philips Led Candela 5,5,W a forma di candela e con attacco E14 riduce i consumi garantendo un’illuminazione fino al 90% in più rispetto alle lampadine tradizionali; la Led Philips a goccia 5,5W con attacco E27 è tra le più usate comunemente in casa; la lampadina Ledbyled a goccia con filamento a vista 6W ed attacco E27 coniuga l’estetica tradizionale con le migliori performance delle soluzioni LED di ultima generazione.

Le lampadine a Led Enel X sono concepite per assicurare la massima luminosità, una luce calda in un design essenziale, un minimo consumo energetico ed un notevole risparmio economico rispettando al contempo l’ambiente. Inoltre, sono progettate per durare almeno 10 anni e possono essere smaltite facilmente dopo il loro utilizzo.

Per fare la scelta giusta bisogna prestare molta attenzione a 4 parametri:

  • Potenza assorbita (W), cioè il consumo di energia;
  • Luminosità (la quantità di luce emessa) misurata in lumen;
  • Temperatura di colore, ovvero il colore della luce emessa (una temperatura alta tende al blu passando per il bianco, mentre quella bassa tende al rosso/arancio), espressa in Kelvin. Da ciò nasce la differenza tra “luce calda” (< 3000K) o “luce fredda” (> 3000K);
  • Durata, espressa in ore, cioè indicativamente la “vita” di una lampadina

In base all’ambiente e all’atmosfera che si vuole creare si acquisterà una lampadina a luce calda o fredda. Ad esempio, per un’idea di accoglienza in linea con colori tenui come potrebbe essere per una camera da letto o un salotto, si consiglia una lampada a luce calda. Invece, per avere una maggiore luminosità simile a quella emanata dalla luce solare, si dovrebbe optare per la luce fredda.

Scopri altri consigli sul risparmio energetico domestico.

Contattaci per ulteriori informazioni

Chiama ora!